Probiotici, ecco perché fanno così bene alla salute

Stando a quanto è stato definito da parte di FAO e OMS, i probiotici non sono altri che dei micro-organismi vivi che, una volta che vengono somministrati in quantitativi adatti, riescono a trasmettere un importante effetto benefico per la salute delle persone. Nel corso degli ultimi tempi, quindi, si sta parlando sempre di più di come debbano essere somministrati.

Ricordarsi di seguire un certo tipo di alimentazione, oppure di assumere determinati prodotti da integrare all’interno della propria dieta, non è sempre così scontato e facile. Ecco spiegato il motivo per cui, spesso e volentieri, si fa riferimento alla tecnologia: nello specifico, ci sono numerose app che possono tornare utili per tale scopo. Le app e i device mobili hanno rivoluzionato anche tanti altri settori, come ad esempio quello del gambling online. Ci sono tante piattaforme a cui si può accedere anche da mobile e che offrono la possibilità di sfruttare jackpot alti offerti dai casino online.

L’importanza di inserire i probiotici nella propria alimentazione

I probiotici possono essere molto importanti in una dieta. Questi batteri “buoni” che si trovano all’interno della microflora dell’intestino umano, oppure nello yogurt, così come nel latte fermentato. Nella maggior parte dei casi ne viene suggerito l’uso nel momento in cui serve ritrovare un certo equilibrio della flora batterica.

Di conseguenza, è importante capire quando un batterio può essere realmente definito probiotico o meno. Ebbene, un batterio buono ha delle caratteristiche ben precise. Prima di tutto, deve essere uno di quei batteri che si trovano per natura all’interno dell’intestino umano. Poi, deve essere in grado di garantire un adeguato livello di resistenza nei confronti dell’attività digestiva che viene svolta dal succo gastrico, dai Sali biliari e dagli enzimi intestinali.

Tra le altre caratteristiche dei probiotici troviamo certamente il fatto di non portare alcun tipo di reazione immunitaria. Inoltre, deve essere in grado di garantire un effetto benefico per la salute dell’uomo, soprattutto per merito dell’azione di contrasto rispetto a tutti quei microrganismi patogeni, ma anche nei confronti della produzione di sostanze antimicrobiche. Infine, i probiotici devono avere la capacità di aderire alle cellule dell’intestino e riuscire a colonizzarle.

Si dice spesso che i probiotici facciano davvero bene alla salute umana, ma in molti ignorano i motivi che stanno alla base di tale affermazione. Ebbene, è legata alla capacità di svolgere un’azione di contrasto rispetto a tutti i batteri cattivi che si trovano all’interno del corpo umano. Quando i batteri cattivi sono di più, infatti, c’è una vera e propria carenza di probiotici che può favorire l’insorgere di numerosi sintomi.

Il rafforzamento dell’intestino e del sistema immunitario

I probiotici, quindi, fanno così bene per via del fatto che consentono di rafforzare il sistema immunitario e stimolarlo in modo adeguato. Inoltre, riescono a svolgere un’importante attività di contrasto rispetto alle infezioni di carattere gastrointestinale, ma anche nei confronti di svariate patologie che colpiscono l’intestino, oppure allergie o infezioni che vanno ad attaccare l’apparato uro-genitale.

Questi batteri buoni si possono assumere sia mediante il cibo che sfruttando degli specifici integratori. Possono essere utilissimi per contrastare dei disturbi in modo particolare, come ad esempio la stipsi. Ecco un elenco di tutti quei cibi che contengono una buona percentuale di probiotici e prebiotici: si tratta dello yogurt, del latte fermentato, del kefir, del tarassaco, della cicoria, dell’aglio, della banana, della crusca, del tempeh, del porro e degli asparagi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *